RADIO BRAND | Il potere della musica per la vendita
16794
post-template-default,single,single-post,postid-16794,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Il potere della musica per la vendita

Il potere della musica per la vendita

Pensa alle canzoni più belle, magiche, quelle che attirano l’attenzione…

Mentre sei seduto a guardare distrattamente la TV, passa uno spot pubblicitario e, all’improvviso, senti il brano… esso è talmente accattivante che irrompe nella stanza, ti afferra. Dentro di te qualcosa inizia a muoversi, senti l’impulso che devi avere assolutamente quel nuovo paio di jeans o di nuove sneakers, uno shampoo o una deliziosa bevanda.

Questo è il potere della musica nella vendita!

La canzone giusta inserita in una pubblicità può trasformare qualcosa di banale, in qualcosa di magico.

Le melodie appropriate si fissano nella testa e nel cuore, creano empatia, attitudini e sono un toccasana per i consumatori e gli inserzionisti.

La musica è importante e le aziende sanno che, se vogliono avere personalità, devono fare l’opportuna scelta musicale. La cosa ancor più curiosa è che non sono solo le aziende a vincere. La canzone giusta associata al giusto brand può addirittura cambiare l’intera carriera di un artista.

L'ESEMPIO DI LEVI'S

L’azienda Levi Strauss è brava a scegliere le canzoni (così come a cucire jeans!). Dagli uomini che si spogliano in lavanderia, agli astronauti che saltellano, ai pupazzi che si dimenano, ha sempre cercato nuovi spunti, attraversando diversi generi musicali, riuscendo a vendere molti, molti jeans.

Nel 1985 Levi Strauss è stata la prima a ideare pubblicità, come in un video musicale, con la campagna “Launderette” che ha visto “Heard it through the Grapevine” di Marvin Gaye. La pubblicità ha unito musica, jeans, boxer e video per creare un irresistibile mix commerciale. Il modello Levi’s 501 è letteralmente volato via dagli scaffali ed un potente nuovo mezzo ha preso piede.

Dieci anni dopo, nel 1995 il loro spot presentava una versione remixata di “Spaceman” di Babylon Zoo che è diventato il singolo più venduto nel Regno Unito, dai tempi dei Beatles.

L’azienda Levis non si è fermata qui.

Nel 1999, il “Flat beat” di Mr Oizo ha conquistato il mondo. La canzone è arrivata in vetta alle classifiche di Austria, Finlandia, Francia, Germania, Italia e Regno Unito, mentre la traccia strumentale è diventata uno dei venticinque singoli strumentali in cima alle classifiche del Regno Unito.

L'ESEMPIO DI APPLE

Apple, come ci si potrebbe aspettare, ha potenziato la sua immagine con gli spot pubblicitari. Usa la musica per far arrivare il messaggio nelle case dei suoi consumatori. Che tu sia d’accordo o meno sul fatto che Apple abbia il miglior hardware e software, sicuramente riesce a farsi largo nella tua testa proprio con la musica.

Gli annunci di Apple sono accattivanti, brillanti, edificanti, dotati di una colonna sonora che si imprime nella mente.

Nel 2004, la società ha utilizzato i Black Eyed Peas con “Hey Mama” (per l’iPod 3G) mentre gli U2 con “Vertigo” hanno portato al successo il dark Special-Edition iPod. Con The Ting Tings e la loro “Shut Up And Let Me Go” hanno lanciato l’Ipod Shuffle, mentre con Jet di “Are You Gonna Be My Girl” hanno fatto conoscere al mondo l’iPod.



Prova il nostro servizio. Attiva la versione demo con un click e buon ascolto!